AFRICA/CONGO RD - “È in atto una campagna di diffamazione del governo contro la Chiesa e il Cardinale Monsengwo”

Press Report

Fonti di notizie costantemente aggiornate sul prodotto

Share on Facebook Share on Twitter Share on Google+

Ads

13 gennaio 2018 12:40:02 Fides News - Italian

Kinshasa - “Si assiste ad una campagna d’intossicazione e di disinformazione, finanche di diffamazione orchestrata dai responsabili delle istituzione della Repubblica contro la Chiesa cattolica e la sua gerarchia” ha denunciato don Donatien Nshole, Segretario Generale della CENCO , in una conferenza stampa a Kinshasa. Una compagna diffamatoria che prende di mira in particolare Sua Eminenza il Cardinale Laurent Monsengwo Pasinya, Arcivescovo di Kinshasa. “Questa campagna- ha detto don Nshole- ha preso di mira l’autorità di Sua Eminenza il Cardinale Laurent Monsengwo, considerato a torto come l’istigatore delle azioni che mirano a destabilizzare le istituzioni esistenti e a volere impadronirsi del potere. Esigiamo le prove delle gravi accuse portate contro la sua persona”. In una dichiarazione la CENCO “riafferma il suo sostegno totale e la sua vicinanza al Cardinale Monsengwo” disapprovando “la demonizzazione deliberatamente distillata nei confronti del Cardinale Arcivescovo di Kinshasa e membro del Consiglio dei 9 Cardinali scelti da Papa Francesco per il governo della Chiesa universale”. Ieri, 12 gennaio, il Cardinale Monsengwo ha celebrato una messa nella Cattedrale Notre Dame di Lingwala per le vittime della repressione della manifestazione del 31 dicembre indetta dal Comité Laïc de Coordination , per chiedere il rispetto degli accordi di San Silvestro del 31 dicembre 2016, oltre a quelle delle inondazioni delle settimane scorse . Alla messa anno partecipato diversi componenti del corpo diplomatico accreditato a Kinshasa, tra cui il Nunzio Apostolico, Sua Ecc. Mons. Luis Mariano Montemayor, l’ambasciatore della Francia e il rappresentante nell’Unione Europea, oltre ai principali leader dell’opposizione. La polizia ha sparato dei candelotti lacrimogeni contro i fedeli radunati al di fuori della Cattedrale. I Vescovi hanno invitato il “popolo congolese a non lasciarsi influenzare dalla campagna di diffamazione i cuoi autori non riconoscono la sua sofferenza, invitandolo a rimanere retto e vigile, a prendere il suo destino nelle sue mani e bloccare pacificamente la via a qualsiasi tentativo di confisca o presa del potere con mezzi non democratici e incostituzionali”. La RDC si dibatte in una crisi politica e istituzionale dal dicembre 2016, quando è scaduto il secondo e ultimo mandato del Presidente Joseph Kabila. Le elezioni presidenziali previste entro la fine di quell’anno non sono state organizzate dalla Commissione Elettorale Indipendente adducendo problemi finanziari e organizzativi e per il mancato censimento degli elettori. Grazie alla mediazione dei Vescovi si era giunto all’Accordo di San Silvestro per portare alle urne gli elettori entro il 2017. Ma questo non è avvenuto. Kabila è rimasto al potere mentre le elezioni sono state fissate il 23 dicembre 2018. Ma molti iniziano a dubitare che questa scadenza verrà rispettata. Per questo si stanno moltiplicando le manifestazioni di protesta per chiedere il rispetto degli impegni presi e l’allontanamento dal Presidente Kabila. Articolo completo su AFRICA/CONGO RD - “È in atto una campagna di diffamazione del governo contro la Chiesa e il Cardinale Monsengwo”

Vice Tutte le news Time13 gennaio 2018 12:40:02


Ads

AFRICA/CONGO RD - “I patti vanno rispettati” dice il Cardinale Monsengwo

2.509497 05 gennaio 2018 13:22:48 Fides News - Italian

Kinshasa - “Le vittime del 31 dicembre sono morte perché ci hanno ricordato che pacta sunt servanda” ha affermato il Cardinale Laurent Monsengwo Pasinya. Arcivescovo di Kinshasa durante una messa celebrata nella cattedrale di Notre Dame du Congo ieri, 4 gennaio 2018. In questo giorno, nel quale la Repubblica Democratica del Congo commemora i martiri dell’ indipendenza, l'Arcidiocesi di Kinshasa ha celebrato i sacerdoti ordinati il 4 gennaio 1993. Si è trattata quindi di una celebrazione nella quale alla felicitazioni per l’anniversario di sacerdozio si sono unite le condoglianze per le vittime della brutale repressione della marcia del 31 dicembre, promossa dai laici cattolici per chiedere la piene applicazione degli Accordi di San Silvestro, firmati il 31 dicembre 2016, con la mediazione della Conferenza Episcopale. Quando il Cardinale Monsengwo ricorda che i patti vanno onorati si riferisce al fatto che gli Accordi di San Silvestro non sono stati rispettati perché non solo non si sono tenute le elezioni presidenziali entro il 2017, ma i prigionieri politici sono ancora incarcerati e i media dell’opposizione vietati. Diverse figure politiche tra cui Felix Tshisekedi, Vital Kamerhe e Martin Fayulu, tutti avversari del Presidente Joseph Kabila, erano stati invitati alla celebrazione eucaristica. Il 4 gennaio 1959, i congolesi sfidarono i colonizzatori belgi per chiedere la libertà. Hanno pagato con il loro sangue, innescando la marcia verso l'indipendenza del 30 giugno 1960. La commemorazione di questi martiri è stata l'occasione per la Chiesa di Kinshasa per ricordare i martiri, in particolare i fedeli cattolici che sono caduti il 31 dicembre 2017. Per questi ultimi, durante la messa era stato osservato un minuto di silenzio. Questa massa è stata quindi “una raccomandazione alla felicità eterna dei nostri compatrioti che sacrificarono le loro vite per il loro Paese, al prezzo del loro sangue. Pensiamo anche alle morti dello scorso 31 dicembre ", ha concluso il Cardinale Monsengwo.

Vice Tutte le news Time05 gennaio 2018 13:22:48


AFRICA/CONGO RD - Il Cardinale Pasinya accusato di fare “messe nere”: quando la politica strumentalizza la religione

2.3479433 17 novembre 2017 11:00:21 Fides News - Italian

Kinshasa – Si fa sempre più teso il clima sociale e politico nella Repubblica Democratica del Congo per lo slittamento delle elezioni presidenziali al 23 dicembre 2018. E lo scontro politico cerca di coinvolgere e strumentalizzare anche i leader religiosi. Persone vicine al potere hanno accusato il Cardinale Laurent Monsengwo Pasinya, Arcivescovo metropolita di Kinshasa, di incitare gli artisti all’insurrezione solo perché il presule, lo scorso 10 novembre, aveva incontrato gli artisti congolesi nella Cattedrale di Nostra Signora del Congo. L’incontro è stato perfino definito una “messa nera”. “E’ molto spiacevole”, ha risposto l’arcidiocesi di Kinshasa in una nota inviata all’Agenzia Fides. “Il Cardinale non ha detto nulla di male e non ha attaccato in alcun modo il governo. Si trattava di un incontro organizzato dalla cappellania responsabile del settore ‘Cultura e Arte’ per sensibilizzare gli artisti sulla loro missione nella Chiesa e nella società”. La situazione è diventata particolarmente complessa nel paese da quando, il 20 dicembre 2016, è scaduto il secondo mandato del presidente Joseph Kabila senza che fossero indette nuove elezioni. Un accordo per organizzare le presidenziali entro il 2017, il così detto ‘Accordo di San Silvestro’, era stato raggiunto il 31 dicembre con la mediazione dei Vescovi congolesi. Dopo il fallimento dell’accordo, l’ambasciatrice Usa all’Onu, Nikky Haley, in una visita a Kinshasa aveva imposto elezioni entro il 2018, chiarendo che altrimenti gli Stati Uniti avrebbero ritirato gli aiuti economici alla Repubblica democratica del Congo. Il 5 novembre la Commissione nazionale elettorale indipendente ha fissato la data per le presidenziali al 23 dicembre 2018. L’opposizione ha da subito rifiutato il nuovo calendario elettorale, accusando il governo in carica di voler prolungare l’instabilità e la povertà del popolo e diverse sono state le manifestazioni di protesta organizzate in tutto il paese. Intanto, gli appelli alla disobbedienza civile aumentano e anche i movimenti cittadini, tra cui Lucha , si sono attivati nei giorni scorsi indicendo per il 15 novembre una mobilitazione per ottenere il ritiro del presidente Kabila prima del 31 dicembre 2017. Sebbene il governo, il 14 novembre, avesse interdetto ogni manifestazione, la mobilitazione di mercoledì scorso, che ha invece incassato il sostegno e la partecipazione del Raggruppamento delle opposizioni, ha quasi paralizzato le città di Beni, Butembo, Goma e Lubumbashi, ma ha interessato solo marginalmente la capitale Kinshasa. Non sono mancati gli incidenti: sulle strade di Lubumbashi sono state erette barricate e un veicolo è stato incendiato, mentre a Kinshasa c’è stato un ferito per l’attacco a due autobus del trasporto pubblico. L’intervento della polizia, peraltro anticipato alla vigilia delle manifestazioni, ha portato all’arresto di 25 persone. Le manifestazioni di mercoledì scorso sembrano essere state solo l’inizio di una serie di marce, di manifestazioni di “disobbedienza civile” in programma per i prossimi giorni per costringere il presidente a dimettersi. La Chiesa, intanto, sensibilizza i cattolici e tutte le persone di buona volontà al fine di far uscire il paese dalla povertà e avviarlo verso la pace e la non violenza.

Vice Tutte le news Time17 novembre 2017 11:00:21


AFRICA/CONGO RD - Atti vandalici contro la Chiesa: la denuncia del Card. Monsengwo

1.1921725 21 febbraio 2017 11:49:42 Fides News - Italian

Kinshasa - “C’è una recrudescenza di paura, di collera, di incertezza” afferma il Card. Laurent Monsengwo Pasinya, Arcivescovo di Kinshasa, capitale della Repubblica Democratica del Congo, in un messaggio inviato all’Agenzia Fides nel quale denuncia le aggressioni contro la Chiesa avvenute negli ultimi giorni. “Abbiamo appreso con indignazione, sabato 18 febbraio, dell’incendio di una parte del Seminario maggiore di Malole da parte di incivili che hanno in seguito seminato il terrore presso le vicine suore carmelitane a Kananga ” scrive il Cardinale, che ricorda pure le manifestazioni avvenute in tre occasioni di fronte all’Arcivescovado di Kinshasa, da parte di gruppi di giovani che “hanno creato un clima di panico”. A questi episodi è seguita la profanazione della parrocchia San Domenico di Limete da parte di una “ventina di giovani malintenzionati” che hanno “rovesciato il tabernacolo, saccheggiato l’altare, rotto le panche, fino a cercare d’incendiare la chiesa. La comunità dei Padri Oblati non è stata risparmiata”. Il Card. Monsengwo mette in relazione questi fatti con il tentativo della Conferenza Episcopale congolese di mediare nell’attuazione degli accordi di San Silvestro e di trovare un Primo Ministro che guidi un governo di unità nazionale come previsto dalle intese. “La CENCO ha solo un ruolo di mediatore” ricorda il Cardinale. “I politici devono riconoscere con umiltà che sono le loro velleità politiche a portare all’impasse e al blocco delle istituzioni. Ne assumeranno la responsabilità di fronte alla storia”. Dopo aver sollecitato le autorità a proteggere i beni della Chiesa da eventuali nuovi atti vandalici, il Cardinale conclude ricordando Etienne Tshisekedi, lo storico leader dell’opposizione morto di recente che ha combattuto fino all’ultimo per dare alla RDC “la pace nella giustizia”.

Vice Tutte le news Time21 febbraio 2017 11:49:42


AFRICA/CONGO RD- Costruite le prime case della Città della Pace “Cardinale Etsou”,

1.191562 26 novembre 2016 12:47:07 Fides News - Italian

Kinshasa - Sono state costruite una decina di abitazioni nell’ambito del progetto Città della Pace “Cardinale Etsou”, nel comune di Kimbanseke, a Kinshasa, capitale della Repubblica Democratica del Congo. La costruzione dei primi 74 alloggi è iniziata nel marzo 2015. Il progetto che prevede di costruire tremila alloggi e 47 strutture sociali è curato dall’ONG Action pour la solidarité et le développement , con la garanzia dello Stato congolese e l’impegno della Chiesa cattolica. Don Oswald Bagaza, coordinatore di ASODEV ha spiegato che vi sono stati dei ritardi nell’avvio della costruzione per problemi amministrativi e finanziari, ma ha assicurato che la costruzione dell’intero lotto abitativo verrà comunque completata. Durante la cerimonia dell’avvio della costruzione delle prime case, nel marzo 2015, era stato illustrato dal Card. Laurent Mosengwo Pasinya, Arcivescovo di Kinshasa, il motivo del coinvolgimento della Chiesa nel programma: “La dottrina sociale della Chiesa spiega che ci può essere la pace solo nella giustizia e nell’equità, quando tutti possono usufruire dei beni di una nazione, secondo i propri bisogni vitali e indispensabili”. Le abitazioni sono di sette tipi diversi, con un prezzo che va dai 28.000 agli 85.000 dollari americani, con una rateizzazione massima di 15 anni.

Vice Tutte le news Time26 novembre 2016 12:47:07


AFRICA/CONGO RD - Il governo americano appoggia la mediazione dei Vescovi congolesi

1.1073828 23 novembre 2016 12:31:12 Fides News - Italian

Kinshasa - “Sottolineiamo il nostro appoggio alle discussioni mediate dalla Conferenza Episcopale Nazionale del Congo tra l’opposizione e il governo della Repubblica Democratica del Congo per raggiungere un accordo per elezioni credibili e tempestive” afferma un comunicato del Dipartimento di Stato nel quale si ribadisce l’appoggio di Washington agli sforzi di mediazione effettuati dai Vescovi cattolici congolesi “Esortiamo il governo della RDC e l'opposizione a lavorare con la CENCO per affrontare le questioni rimanenti, incluse la data delle elezioni presidenziali nel 2017, la garanzia che il presidente Kabila non cercherà un altro mandato e che la Costituzione non sarà modificata per consentirlo, una maggiore indipendenza della Commissione elettorale nazionale , un governo di transizione inclusivo, e una forte indipendenza del comitato di sorveglianza”. Il governo statunitense invita il principale leader dell’opposizione e candidato del cartello dell’opposizione “Le Rassemblement” “a presentare proposte costruttive e concrete, e ad astenersi da discorsi incendiari o da azioni non compatibili con le norme democratiche”. Si auspica infine che la nomina del nuovo Primo Ministro, Samy Badibanga, possa diventare “un’opportunità per costruire fiducia e confidenza tra tutte le parti in causa” e che il Premier “adempia alla sua responsabilità di rispettare e proteggere i diritti fondamentali dei cittadini congolesi, inclusi la libertà di parola e di raduno e quello di accesso all’informazione”.

Vice Tutte le news Time23 novembre 2016 12:31:12


AFRICA/CONGO RD - I Vescovi lanciano una campagna di educazione civica in vista delle elezioni

1.0623193 21 giugno 2016 12:26:55 Fides News - Italian

Kinshasa - La Conferenza Episcopale Nazionale del Congo ha lanciato una campagna di sensibilizzazione della popolazione per coinvolgerla nel processo di miglioramento della situazione del Paese e accompagnarla nel processo elettorale. Le elezioni presidenziali e parlamentari dovrebbero tenersi entro novembre di quest’anno, ma è ormai probabile che verranno rinviate aprendo la strada ad un prolungamento del mandato del Presidente uscente Joseph Kabila . La Chiesa, in questa delicata fase, con questa campagna di formazione intende contribuire al miglioramento della consapevolezza dei cittadini dei loro diritti fondamentali. Secondo un comunicato pervenuto all’Agenzia Fides, “la campagna è volta a suscitare una riflessione sulle condizioni di vita, sulla situazione politica attuale, sulla registrazione nelle liste elettorali, ecc…”. L’iniziativa dei Vescovi è stata resa possibile grazie al contributo finanziario del governo canadese. Secondo l’Ambasciatore del Canada nella Repubblica Democratica del Congo, “il progetto di educazione civica ed elettorale mira a contribuire alla costruzione dello Stato di diritto nel Paese, ed è noto che la realizzazione di un governo fondato sulle regole, sul rispetto dei diritti della persona e sullo stabilimento di istituzioni efficaci e responsabili è essenziale allo sviluppo, il progetto quindi contribuirà alla crescita economica e duratura del Paese”.

Vice Tutte le news Time21 giugno 2016 12:26:55


AFRICA/CONGO RD - Polemiche per la “preghiera nazionale” indetta dal governo; la Chiesa cattolica non vi partecipa

1.0623193 05 marzo 2016 12:38:59 Fides News - Italian

Kinshasa - Dopo aver chiesto alla Chiesa cattolica nella Repubblica Democratica del Congo di rinunciare alla manifestazione del 16 febbraio , la maggioranza che sostiene il Presidente Joseph Kabila ha organizzato una “preghiera nazionale”per la pace nel Paese, che si tiene questa sera, 5 marzo, allo Stadio dei Martiri della capitale Kinshasa. Alla “preghiera nazionale” la Chiesa cattolica non partecipa. I partiti d’opposizione riuniti sotto la sigla “G7” hanno espresso forti perplessità sull’iniziativa del governo che negli scorsi mesi citando ragioni di “sicurezza” aveva vietato manifestazioni pubbliche, tra le quali quella del 16 febbraio che la Chiesa cattolica aveva organizzato in ricordo della repressione nel sangue della “marcia dei cristiani” indetta dalla Chiesa cattolica il 16 febbraio 1992, in quello che era ancora lo Zaire di Mobutu Sese Seko, per chiedere un’apertura democratica. Il governo si era opposto pure all’appello lanciato da Moïse Katumbi, governatore del Katanga e candidato alle prossime elezioni presidenziali, di indire una preghiera quotidiana per la pace nella RDC. L’opposizione vede dunque nell’iniziativa governativa un tentativo di cooptare le diverse chiese del Paese nel tentativo di posticipare le elezioni presidenziali e prolungare il mandato del Presidente Kabila oltre alla sua scadenza. Le elezioni presidenziali e politiche non hanno ancora una data , mentre rimane alta la tensione nel Paese per il timore che il Presidente intenda cambiare la Costituzione per cercare di ottenere un terzo mandato.

Vice Tutte le news Time05 marzo 2016 12:38:59


AFRICA/RD CONGO - La chiesa cattolica celebra 135 anni delle missioni nella RDC

1.0623193 10 agosto 2015 12:59:08 Fides News - Italian

Boma – La Chiesa cattolica ha celebrato i 135 anni dell'evangelizzazione nello Stato Indipendente del Congo, ora Repubblica Democratica del Congo, nella città di Boma nella Provincia Centrale del Congo. Per questo motivo c'è stata celebrata ieri, domenica 9 agosto, una messa presso la cattedrale di Nostra Signora della Assunzione di Boma alla quale hanno partecipato migliaia di fedeli. Durante la celebrazione si è ricordato alcuni momenti della prima evangelizzazione che risalgono alle missione cattoliche nel 1880.

Vice Tutte le news Time10 agosto 2015 12:59:08


AFRICA/RD CONGO - “Dialogo sì, ma con rispetto della legge”, la chiesa sul dialogo politico

0.9737357 31 luglio 2015 09:13:47 Fides News - Italian

Kinshasa – "Il dialogo è considerato il principio costruttore della democrazia e della nazione", così ha detto Martedì 28 luglio il Segretario Generale della Conferenza Episcopale Nazionale del Congo , padre Leonard Santedi. Egli ha parlato in un dibattito organizzato dalla CENCO. Hanno partecipato un gruppo di politici della Maggioranza Presidenziale , dell'opposizione, della società civile e un gruppo degli analisti che hanno discusso degli obiettivi per il dialogo politico nella Repubblica Democratica del Congo , sulle prossime elezioni e sulla sessione straordinaria del Parlamento. Per padre Leonard Santedi, la Chiesa cattolica non si oppone all'idea di dialogo, ma insiste sul rispetto della Costituzione. "Dialogo sì, ma con rispetto per la legge fondamentale", ha detto. La Costituzione congolese prevede scadenze per l'elezione del Presidente della Repubblica e il numero e la durata del suo mandato. Presente a questo incontro, il professor Philippe Biyoya, analista politico, ha detto che il dialogo è il principio stesso della vita comunitaria. "Il dialogo è inteso come principio attivo di tutte le società. E' quello che cura l'armonia sociale", ha detto, André Alain Atundu, comunicatore del Partito di governo. Questa opinione però non è stata condivisa dal membro dell'opposizione, Franck Diongo. Egli ritiene che il dialogo "nel contesto attuale, è una frode. E' una trappola". La chiesa cattolica ha ribadito la sua posizione sul dialogo nazionale promosso dal Presidente Joseph Kabila, che “deve avvenire nel rispetto assoluto del quadro costituzionale e istituzionale in vigore”. Ovvero senza che si arrivi ad un cambiamento costituzionale per permettere al Presidente uscente di presentarsi alle elezioni per ottenere un terzo mandato

Vice Tutte le news Time31 luglio 2015 09:13:47


Coppa d'Africa: Rd Congo in semifinale

0.95324963 31 gennaio 2015 21:33:26 feedsportal.com - This domain may be for sale!

Affronterà la vincente tra Costa d'Avorio e Algeria

Vice Tutte le news Time31 gennaio 2015 21:33:26